«Non è mai troppo tardi per dire basta alla sigaretta»
Fumo: un miliardo di morti nei prossimi 100 anni
publiziert: Donnerstag, 3. Aug 2000 / 09:05 Uhr

Londra - Nei paesi industrializzati la sigaretta tira sempre meno ma i pericoli sono tutt'altro che scongiurati. Un fumatore su due rischia di soccombere al cancro e, se la tendenza non cambia, nel XXI secolo una strage di proporzioni enormi attente l'umanità: i morti da fumo saranno non meno di un miliardo.

Smettere, invece, paga eccome. Negli anni Cinquanta, la Gran Bretagna deteneva il record dei decessi per tumore al polmone. Ma dal 1965 il numero dei fumatori è diminuito e il Regno Unito vanta oggi un primato in positivo: i morti per questa patologia sono scesi del 50 per cento. «Le cifre parlano in maniera inequivocabile, scrollarsi questo vizio di dosso è sempre un bene a prescindere dall'età in cui si prenda questa decisione», ha detto oggi in una conferenza stampa a Londra l'oncologo Richard Peto.

Il professor Peto è uno dei ricercatori di punta dell'«Imperial Cancer Research Fund», uno degli istituti oncologici più importanti del mondo dove ha lavorato anche il premio Nobel per la medicina, Renato Dulbecco. Lo studioso ha appena ultimato una ricerca assieme a Sir Richard Doll, il primo scienziato al mondo ad avere stabilito una correlazione diretta tra sigaretta e cancro polmonare. I risultati compaiono sull'ultimo numero della rivista medica 'British Medical Journal'. «Se mai ce ne fosse stato bisogno, il nostro studio dimostra che il fumo è ancora più nocivo di quanto pensassimo», ha detto il professor Doll.

Anche se il loro numero sta diminuendo, soprattutto nei paesi più industrializzati, in Gran Bretagna oggi vi sono 12 milioni di tabacco-dipendenti e negli Stati Uniti 50 milioni. Nel mondo le persone che fumano sono 1,1 miliardi. Secondo i due scienziati, per almeno il 50 per cento di loro il destino è segnato: sarà morte quasi sicura.

«Se il trend continua, entro il 2.025 il fumo farà 150 milioni di vittime e nei successivi 25 anni altre 300 milioni», ha ammonito il professor Peto. Tra 100 anni, si conteranno non meno di un miliardo di morti. I due studiosi hanno sottolineato che non bisogna stancarsi di ripetere ai giovani che il fumo fa male. Secondo loro, è ancora più importante che chi ha il vizio faccia uno sforzo per perderlo. «Non è mai troppo tardi per dire basta alla sigaretta», ha detto Doll, fino a 10 anni fa fumatore accanito. Anche per chi smette a 50 anni le aspettative di vita si allungano enormemente. Secondo lo studio, i rischi di ammalarsi di cancro scendono al 6 per cento. E se si ha meno di 30 anni ad appena il 2 per cento. «Nei prossimi 50 anni, il numero dei morti sarà determinato più da quelli che smetteranno che da quelli che cominceranno», ha detto il professor Peto.

(sda)

.
Digitaler Strukturwandel  Nach über 16 Jahren hat sich news.ch entschlossen, den Titel in seiner jetzigen Form einzustellen. Damit endet eine Ära medialer Pionierarbeit. mehr lesen 21
Einschulung.
Einschulung.
Publinews    Wenn man von optimaler Begleitung von Schulkindern spricht, denken wohl die wenigsten Menschen an einen Schulthek. Der Inbegriff der Begleitung liegt immer noch im Mutter- oder Vaterbegriff begraben. mehr lesen  
Der Sehsinn gilt als wichtigster Sinn des Menschen. Rund 90 Prozent aller Umwelteindrücke hängen von den Augen ab. Trotzdem steigt die Anzahl an ... mehr lesen  
Wie man die Zukunft sieht...
ZHAW - Zürcher Hochschule für angewandte Wissenschaften  Bei der Digitalisierung im Gesundheitswesen belegt die Schweiz im internationalen Vergleich die hinteren Plätze. Um Ränge gutzumachen, müssten Entscheidungsträger den digitalen Wandel aktiver mitgestalten, so das Fazit einer neuen ZHAW-Studie. mehr lesen  
Nur ein Augenarzt kann eindeutig feststellen, ob es sich um eine allergische Bindehautentzündung handelt.
Publinews Der Fachbegriff im Bereich der Medizin für eine Bindehautentzündung lautet Konjunktivitis. Diese entsteht selten durch eine ... mehr lesen  
Titel Forum Teaser
 
Stellenmarkt.ch
Kreditrechner
Wunschkredit in CHF
wetter.ch
Heute Sa So
Zürich 3°C 8°C wolkig, aber kaum Regenleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig freundlich
Basel 3°C 10°C wolkig, aber kaum Regenleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig freundlich
St. Gallen 2°C 6°C Schneeregenschauerleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig freundlich
Bern 2°C 8°C wolkig, aber kaum Regenleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig freundlich
Luzern 3°C 8°C wolkig, aber kaum Regenleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig freundlich
Genf 3°C 10°C wolkig, aber kaum Regenleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig sonnig
Lugano 5°C 16°C sonnigleicht bewölkt, ueberwiegend sonnig sonnig sonnig
mehr Wetter von über 8 Millionen Orten